14 Gennaio 2018 ore 16.30

POINT ZERO

IL CANTO DELLA TENEBRA

 

004 Alovisio

“Il canto della tenebra” è il dialogo tra un sommo pittore italiano del XVII sec. d.c., Caravaggio, e un sommo poeta greco del V sec. a.c., Sofocle, sul tema del mistero assoluto della vita e della morte.
Lo spettacolo è strutturato in due momenti, tra loro indipendenti ed autonomi sul piano espressivo e linguistico, ma legati sul piano semantico dalla comune narrazione della condizione umana, nel suo incontro con la potenza sinistra e seducente con il terri cante.
Un primo momento in cui il Prof. Valter Alovisio, scultore e docente di Letteratura italiana e Storia dell’arte, svolgerà sulla “Deposizione di Cristo” di Caravaggio, una personale meditazione poetica.
Una seconda parte in cui l’attore Ivan Alovisio e il contrabbassista Stefano Risso, in una originale ricerca espressiva, presenteranno in versione originale ”Edipo Re” di Sofocle.
La “Deposizione di Cristo”, come grido perduto nel silenzio della notte, come lotta estenuante tra le tenebre e la luce, ma anche come universale invocazione e preghiera di salvezza umana. “Edipo Re”come anello tragico di disgiunzione tra l’enigma degli eventi e il mistero della vita, ma anche come punto zero della narrazione umana moderna.
Un lascito che, spostando un luogo nell’altro, l’allora nell’oggi, solo il canto della poesia può sedimentare.

ore 16.30
Lectio sulla “DEPOSIZIONE DI CRISTO”
di Caravaggio

a cura del
Prof. Valter Alovisio

ore 18.30
“EDIPO RE” di Sofocle

con
Ivan Alovisio
voce recitante

Stefano Risso
contrabbasso