Vinaora Nivo Slider 3.x
Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

STORIA



Nel 2002, l’imprenditore privato Carlo Angeletti, personaggio di spicco della ristorazione assisana , nonché uomo impegnato nella valorizzazione della propria città, con grande coraggio, decide insieme alla moglie Antonietta, di ristrutturare i locali per trasformarli in una scuola di ballo. Presto abbandonata l’idea iniziale decide di ridare nuova vita al vecchio Teatro. Arredi, scena e impianti tecnici. Una decisione rischiosa. Eppure, la famiglia Angeletti si prende carico dell’impresa e non demorde.

Bisognava essere un po’ pazzi e appunto “instabili” per aprire un teatro nel cuore di Assisi.

Il Teatro rinasce, con una veste nuova e con un’incredibile energia, aprendo le proprie porte al pubblico il 12 dicembre dello stesso anno.
Nel 2004, sempre su iniziativa della famiglia Angeletti nasce l’Associazione Culturale “Gli Instabili”. Oltre alle stagioni di prosa e ai concerti scelti tra i migliori spettacoli dal panorama artistico italiano, offre al proprio pubblico e alla cittadinanza Corsi di recitazione, dibattiti, tavole rotonde, convegni, proiezioni cinematografiche, ecc .

Fin dagli inizi della sua storia, il Piccolo Teatro degli Instabili ha perseguito una linea artistica ben definita, andando a colmare un vuoto lasciato da anni di mancanza di “vita teatrale”, ospitando tra i più grandi Artisti del spettacolo italiano.

Tutti incantati dal Piccolo Teatro degli Instabili e dall’amore di chi lo ha reso il luogo magico che è oggi. Come chi siede sulle poltrone rosse e aspetta che le luci si spengano. Come chi sale sul palco di legno per imparare a dominarlo o per lasciarsi dominare.
Nel 2014 si sono conclusi i lavori di ampliamento del teatro che hanno portato alla realizzazione di un nuovo ingresso separato dalla sala, il botteghino, un bagno per il pubblico, un ufficio, un mini-bar e area ritrovo per gli spettatori.

Direzione Artistica : Fulvia Angeletti